Elio Germano

Elio Germano
Cognome Germano
Nome Elio
Nome Anagrafe
Data di Nascita 25/09/1980
Luogo di nascita Roma, Italia
Segno Zodiacale Bilancia

Elio Germano nasce il 25 settembre del 1980 a Roma, ma è originario di Duronia, in provincia di Campobasso.

Dimostra una forte attitudine per la recitazione fin da ragazzino, improvvisando vari spettacolini durante le vacanze estive e davanti agli amichetti.

Esordisce giovanissimo, a dodici anni, nella pellicola “Ci hai rotto papà!” di Castellano e Pipolo.

A partire dal 1997 fa parte di un gruppo rap Indie, chiamato "Bestierare".

Successivamente, durante il perido del Liceo, frequenta con passione alcuni corsi di recitazione presso la scuola Teatro Azione e si aggrega ad alcune compagnie teatrali.

Dopo aver partecipato con ottimi risultati a svariate rappresentazioni teatrali, nel 1999, cede al mondo del cinema e recita in “Il cielo in una stanza” di Carlo Vanzina. Inizia anche a lavorare per la televisione italiana, partecipando ad alcune serie come “Via Zanardi 33” , “Un medico in famiglia 2” e “Padre Pio”.

Nello stesso periodo inizia a collaborare con alcuni dei più noti e promettenti registi nazionali, lo vediamo recitare in “Concorrenza sleale” (2001) di Ettore Scola, in “Respiro”(2002) di Emanuele Crialese, in “Ora o mai più” (2003) di Lucio Pellegrini e in “Che ne sarà di noi” (2004) per il quale, oltre ad ottenere un grande successo da parte del pubblico, riceve le nomination al Nastro d’Argento e al David di Donatello.

In seguito viene selezionato per partecipare ad altri notevoli successi come il noir “Quo Vadis, Baby?” di Gabriele Salvadores e “Romanzo Criminale”, la famosa e pluripremiata pellicola di Michele Placido.

Nel 2007 vince un David di Donatello come migliore attore protagonista per l’interpretazione in “Mio fratello è figlio unico”, rubando la scena all’affascinante Riccardo Scamarcio.

Recentemente ha raccolto numerosi consensi tra la critica e il pubblico interpretando il ruolo di Marco Baldini nel biografico “Il mattino ha l’oro in bocca” di Francesco Patierno. Sempre in questo anno ha partecipato con ottimi risultati a “Tutta la vita davanti” (2008) di Paolo Virzì e “Italians” (2008) di Giovanni Veronesi.

Prossimamente lo vedremo in “Come Dio comanda” di Gabriele Salvadores.
 
 
 

Ti Piace Canali

 

Ti Piace vetrine