Kurt Russell

Kurt Russell
Cognome Russell
Nome Kurt
Nome Anagrafe Kurt Vogel Russell
Data di Nascita 17/03/1951
Luogo di nascita Springfield, Massachusetts, U.S.A.
Segno Zodiacale Pesci

Gli amanti dei film d’azione saranno sicuramente concordi col dire che Kurt Russel ha saputo dare il proprio contributo a questo genere, personalizzando sempre i propri ruoli con una carica personale tutta sua.

Figlio di un attore televisivo, Kurt comincia a recitare sin da piccolissimo legandosi con un contratto decennale per la Disney, contratto che lo vincolerà impedendogli di accedere al ruolo storico di Han Solo in Guerre Stellari, che andrà fortuitamente ad Harrison Ford.

Nel periodo dell’adolescenza Kurt Russel è anche un buon atleta e gioca nella minor league per i California Angels, poi si infortuna e si dedica completamente alla carriera d’attore.

Alcune pellicole dei primi periodi sono “L’uomo più forte del mondo”, “Spruzza, sparisci e spara” o diverse produzioni televisive come “Il fuggitivo” (1964-1966).

Arriviamo finalmente alla fine del suo contratto con la Disney, ed è qui che la carriera di Russel decolla, grazie soprattutto all’amicizia col regista John Carpenter che lo vuole per il film “Il re del rock” poi ancora per “1997 – Fuga da New York” e per il capolavoro e successo internazionale “La cosa” del 1982.

Nel mentre incontra e si innamora dell’attrice Goldie Hawn (altra stella degli anni ottanta e novanta ora poco in auge), i due si sposando e l’attore riceve una nomination ai Golden Globe come miglior attore non protagonista per “Silkwood” di Mike Nichols.

Arrivamo così alla pellicola culto del genere che segnerà anche il punto di non ritorno per Kurt Russel “Grosso guaio a Chinatown” del 1986 sempre di Carpenter.

A questo film segue un flop colossale “Tango e Cash” oggi una pellicola diventata simbolo degli anni ottanta, e quindi riesumata, ma all’epoca praticamente snobbata.

Russel è invecchiato per i ruoli d’azione, il suo genere, e le parti migliori vengono assegnati a nuovi attori, citiamo ancora “Tombstone” del 1993 una delle ultrime sferzate di energia dell’attore o il film del 1992 “Abuso di potere”.

Del 1994 è il film “Stargate” in cui Russel è un convincente colonnello O’Neil accanto ad un imbranato ma simpatico James Spider, il film è un successo ma non sala Russel dalla mediocrità in cui è caduto.

Neppure l’amico Carpenter può risollevare la situazione con la pellicola “fuga da Los Angeles” del 1996. il declino è completo, sembra che la stagione d’oro di Russel è definitivamente compiuta, e l’attore si fa da parte.

Accetta ruoli diversi da quelli solitamente interpretati come lo psicologo in “Vacilla Sky”. Pessimo il ruolo del padre protettivo in “Poseidon” del 2006, caduta di stile del regista Wolfgang Petersen.

Ma dove tutti sembrano fallire, a Hollywood c’è sempre un amante delle “vecchie” stelle del genere trash o d’azione, ed ecco che Tarantino nel 2007 vuole Kurt Russel per il suo finto “B-movie” omaggio al genere che l’ha ispirato, “Grindhouse – A prova di morte”. Una ventata di innovazione per l’attore? Speriamo.

 
 
 

Ti Piace Canali

 

Ti Piace vetrine